La mentalità degli integratori alimentari » Loren Cordain Ph.D (parte 1)

integratori-alimentari-fanno-male

La mentalità degli integratori alimentari » Loren Cordain Ph.D (parte 1)

Condividi:

La mentalità degli integratori alimentari

Quando inizi a mangiare Paleo, semplicemente non hai bisogno di integratori vitaminici o minerali [13]. Infatti, ad eccezione dell’olio di pesce e della vitamina D, se scegli di assumere antiossidanti e/o vitamine del gruppo B, aumenterai il rischio di cancro, malattie cardiache e morte per tutte le cause combinate.

Uno dei miei primi lavori dopo il liceo è stato con il servizio forestale degli Stati Uniti in una squadra di vigili del fuoco a Markleville, in California. Durante l’estate del 1969 ho dormito con altri otto vigili del fuoco in una baracca rustica dove condividevamo una cucina e un bagno in comune. A 18 anni appena uscito dalla casa dei miei genitori, ho dovuto fare la spesa per una settimana prima dei miei giorni liberi. Essendo giovane e ingenuo, le mie scelte alimentari non erano così buone all’inizio, ma sono riuscito ad acquistare una scatola di Total Cereal, pensando che fosse un alimento adatto per aiutarmi a ottenere il 100% delle mie vitamine e minerali quotidiani.

Quarant’anni dopo mi rendo conto che la mia ingenua scelta alimentare faceva parte di una prospettiva globale molto più ampia e poco saggia sulla dieta che era emersa dalla seconda guerra mondiale. Invece di concentrarmi su cibi naturali e sani nella mia dieta, ero stato indotto a concentrarmi sui nutrienti. Fino a poco tempo fa questa prospettiva ha dominato il pensiero scientifico e laico sugli elementi salutari che compongono le diete [24, 30].

Per citare un recente studio dei Drs. Lichtenstein e Russell [24] della Tufts University, apparsi sul prestigioso Journal of American Medical Association , “ I dati più promettenti nell’area della nutrizione e degli esiti positivi sulla salute riguardano i modelli dietetici, non gli integratori alimentari. Questi dati suggeriscono che altri fattori negli alimenti o la relativa presenza di alcuni alimenti e l’assenza di altri alimenti sono più importanti del livello dei singoli nutrienti consumati ”.

Se leggiamo solo un po’ tra le righe, si capisce che uno dei punti chiave sollevati è che la nostra qualità nutrizionale complessiva dipende maggiormente dagli alimenti che mangiamo [24, 30]. Nessuna quantità di vitamine, minerali o integratori aggiunti ai cereali per la colazione li renderà mai un alimento salutare. 

cereali colazione

Allo stesso modo, le bevande sportive che vantano al loro interno alti dosaggi di vitamine, aminoacidi e additivi non sono altro che caramelle liquide. L’industria di alimentare “fortifica” cibi altamente trasformati, come i cereali per la colazione, le bibite, gli yogurt, il muesli, la maionese e il succo d’arancia con vari nutrienti e poi li ribattezza come “nutrienti” o “sani per il cuore”. 

Queste strategie di marketing non solo causano diffusi effetti negativi sulla salute, ma diffondono anche l’idea fuorviante che i nutrienti (vitamine e minerali) siano più importanti degli alimenti

Abbiamo bisogno di tornare a modelli alimentari sani caratterizzati dal consumo di cibi tradizionali come frutta fresca, verdura, frutti di mare, carni allevate al pascolo, che hanno nutrito e sostenuto la nostra specie fin dall’inizio.

Quando mangiamo cibi veri e vivi, c’è poco o nessun bisogno di integrare la nostra dieta con qualsiasi vitamina, minerale o singolo nutriente ritenuto protettivo contro le malattie [13]. La mentalità che ha dominato il pensiero nutrizionale nel secondo dopoguerra da quando vitamine e integratori sono diventati ampiamente disponibili era: se un po’ fa bene, di più deve essere meglio.

Se vai in farmacia o in un negozio di alimenti naturali per acquistare un integratore di vitamina B o un multivitaminico, ti imbatti immediatamente in un numero impressionante di scelte. Vuoi la versione da 10 mg, la forma da 50 mg o la varietà da 100 mg? Chiedi al commesso e lui consiglia di acquistare la versione da 100 mg perché ottieni più vitamine allo stesso costo, e sappiamo tutti che le vitamine del gruppo B sono solubili in acqua; quindi quello che non usi sarà semplicemente escreto nelle tue urine. Sei d’accordo e non ci pensi due volte.

Intuizione evolutiva

Se seguiamo il modello evolutivo, ci fornirà una guida su tutti gli aspetti della dieta umana salutare, comprese le vitamine e gli integratori alimentari. 

Per i nostri antenati cacciatori-raccoglitori, i micronutrienti (vitamine, minerali e sostanze fitochimiche) sono sempre stati consumati in una gamma di concentrazioni che era disponibile solo attraverso la dieta

Inoltre, gli alimenti trasformati non erano nel menu, né gli integratori vitaminici o gli alimenti fortificati. Di conseguenza, il nostro apporto ancestrale di vitamine, minerali e nutrienti sarebbe sempre rientrato in un intervallo ristretto, né troppo basso né troppo alto. 

Inoltre, i livelli relativi di una vitamina rispetto a un’altra o di un singolo nutriente rispetto a un altro [1, 20, 21, 36, 38] sarebbero anch’essi rientrati in un intervallo determinato dai tipi di alimenti vegetali e animali non trasformati consumati. Posso dirvi subito che sarebbe stato impossibile per qualsiasi cacciatore-raccoglitore ottenere 10 volte il DRI per qualsiasi vitamina B, tanto meno 100 volte questo valore. Allo stesso modo, il rapporto naturale tra una vitamina B e un’altra vitamina o qualsiasi nutriente rispetto a un altro non sarebbe mai stato esattamente uno a uno come nella maggior parte delle moderne formulazioni vitaminiche.

OK. Dove voglio arrivare? 

A Paracelso, uno dei più grandi medici rinascimentali dell’Europa del XVI secolo, è attribuita questa citazione, “la dose fa il veleno”. E in effetti, questa antica saggezza sta ora tornando a perseguitarci nel 21° secolo, dal momento che abbiamo indiscriminatamente “arricchito” la nostra dieta con vitamine prodotte artificialmente, minerali e integratori che riteniamo poter migliorare la nostra salute e prevenire le malattie. 

Di seguito è riportato un grafico noto come curva a forma di “U” che mostra come numerosi integratori vitaminici e minerali isolati influenzino la salute e il benessere [9, 16]. Nota che quando l’assunzione di nutrienti è bassa aumenta il nostro rischio di malattie, ma questa non è una novità per la maggior parte di noi. Ciò che potrebbe sorprenderti è che l’assunzione eccessiva di molte vitamine e minerali cosiddetti “sicuri” ha dimostrato sempre più di essere dannosa e causare effettivamente malattie.

I nostri antenati cacciatori-raccoglitori raramente o mai avrebbero ingerito troppo pochi o troppi nutrienti che causavano malattie atterrando sull’estremità sinistra o destra della curva a forma di “U”. 

Prima della Rivoluzione Agricola, sarebbe stato difficile o quasi impossibile per qualsiasi raccoglitore sviluppare una carenza di vitamine o nutrienti cadendo sul lato sinistro della curva. I cibi vegetali e animali selvatici sono fonti ricche di tutti i nutrienti conosciuti necessari per una salute umana ottimale. Quando questi alimenti o le loro controparti moderne vengono consumati regolarmente, le carenze nutrizionali non si sviluppano mai. 

Solo nel periodo post-agricolo le persone potevano finire sul lato sinistro della curva a forma di “U”. Le carenze di vitamine e minerali sono diventate comuni nei primi agricoltori poiché i cereali poveri di nutrienti hanno sostituito carni selvatiche, pesce, frutta e verdura. 

Con la Rivoluzione Industriale e l’introduzione di cereali raffinati, zuccheri, oli vegetali, cibi in scatola e infine cibi lavorati e spazzatura, il consumo di cibi impoveriti di nutrienti è diventato la norma.

Forse più allarmante per molti di voi non è il lato sinistro della curva, ma piuttosto il lato destro. Mi rendo conto che molti di voi potrebbero assumere alte dosi di vitamine del gruppo B e antiossidanti perché pensano che forniscano protezione dal cancro e dalle malattie cardiache. Niente potrebbe essere più lontano dalla verità, e in effetti questa pratica aumenterà il rischio di morire di cancro, malattie cardiache e tutte le cause combinate

Fatta eccezione per l’olio di pesce e la vitamina D, l’integrazione è uno spreco totale di tempo e denaro

È giunto il momento di smantellare il mito dell’integrazione di nutrienti come luce guida per la salute e il benessere e sostituirlo con la verità dei cibi “reali” densi di nutrienti [24, 30].

Autore: Loren Cordain, Ph.D., Professor Emeritus.

Fonte originale in inglese: https://thepaleodiet.com/vitamin-nutritional-supplements-increase-chronic-disease-morbidity-incidence-mortality-death


Condividi:

post a comment