La dieta paleo aumenta i livelli di TMAO? » Trevor Connor

tmao paleo dieta

La dieta paleo aumenta i livelli di TMAO? » Trevor Connor

Condividi:

Uno studio ha scoperto che la paleo aumenta i livelli di TMAO, ma studia davvero la dieta paleo?

Al centro del processo scientifico c’è il dibattito. Il dibattito è fondamentale perché tutto nella scienza è una teoria e le teorie possono essere migliorate solo sfidandole e perfezionandole costantemente.

Nella scienza della nutrizione il dibattito si fa spesso acceso e anche questo può essere un bene. Gli scienziati che discutono sui meriti di varie diete spesso citano studi molto diversi e contraddittori. A volte possono persino sostenere ostinatamente interpretazioni opposte dello stesso studio.

Ma finché puoi sostenerlo con la ricerca, quasi tutto è un gioco leale.

Quasi tutto.

Una cosa che non puoi fare è creare la tua definizione di una teoria e poi discuterne i meriti.

Ad esempio, se dovessimo discutere i meriti della Paleo Diet contro la Dieta Mediterranea, non potremmo sostenere che la Mediterranea è malsana perché le persone che la seguono mangiano mezzo chilo di Oreo ogni giorno. Non lo fanno. Non fa parte della definizione.

In effetti, abbiamo recentemente scritto un articolo che confronta la densità dei nutrienti della Paleo Diet con la Dieta Mediterranea. Per fare questo confronto abbiamo utilizzato il menu campione della Mediterranea come definita in letteratura [1]. Mi ci sono volute ore per trovare la versione più accreditata, ma è stato tempo ben speso perché volevamo discutere della Dieta Mediterranea e questo significava discutere la definizione accettata.

Sfortunatamente, non tutti condividono i nostri standard e in questo momento c’è uno studio che sta facendo il giro dei media che ha infranto questa importante regola.

Lo studio di Genoni et al ha fatto affermazioni in merito a gravi problemi di salute con la Paleo Diet. Gli autori hanno scoperto che le persone che seguono una dieta Paleo hanno livelli significativamente più alti di trimetilammina- N- ossido (TMAO), un fattore associato a malattie cardiache [2].

Non solo la definizione di una “dieta paleo rigorosa” nel loro studio non era paleo, ma corrispondeva quasi perfettamente alle diete a basso contenuto di carboidrati che i sostenitori della dieta paleo hanno affermato chiaramente non sono né paleo, né salutari [2, 3].

Diete a confronto: perché non era Paleo

Lo studio si è concentrato su un gruppo che gli autori hanno definito il “gruppo paleolitico rigoroso”. La loro scoperta principale è stata che “il consumo di una dieta paleolitica a lungo termine era associato a concentrazioni sieriche di TMAO notevolmente più elevate, ma solo in coloro che aderivano alla dieta in modo rigoroso”.

Quindi, quanto era Paleo questo rigoroso gruppo Paleo?

Nell’edizione riveduta di The Paleo Diet – il libro originale The Paleo Diet è ancora riconosciuto come il libro che definisce la dieta – il dottor Loren Cordain ha dedicato il primo capitolo non alla definizione della dieta, ma ad avvertire i lettori di non confondere le diete a basso contenuto di carboidrati con la Paleo Dieta. In effetti, questo primo capitolo è intitolato “Not Just Another Low Carb Diet” (“Non solo un’altra dieta a basso contenuto di carboidrati”)[3].

Il libro analizza una dieta paleo standard accanto a una dieta a basso contenuto di carboidrati e mostra cosa li rende diversi.

Nella Tabella 1 sottostante, abbiamo riprodotto tale confronto e accanto ad esso la scomposizione delle tre diete nello studio TMAO di Genoni et. al. Abbiamo anche incluso la suddivisione di due esempi di menu Paleo Diet creati dal Dr. Cordain. Uno è tratto da pagina 29 del suo libro e l’altro è tratto da uno studio del 2002 che il dottor Cordain ha pubblicato sul Journal of the American Neutraceutical Association (JANA) che mostra la composizione nutritiva di un campione di dieta Paleo [4].


Tabella 1. Confronto delle composizioni delle tre diete nella Genoni et. al. a due esempi di menu di dieta Paleo e composizioni di una corretta dieta Paleo e dieta a basso contenuto di carboidrati, come definito nell’edizione rivista di The Paleo Diet [2, 3].

* tratto dall’edizione 2011 riveduta di The Paleo Diet, la prima e tuttora considerata la definizione definitiva della Paleo Diet
** tratto da uno studio del 2002 del Dr Cordain pubblicato su JAMA contenente una delle prime analisi di un menu campione di Paleo Diet
* **6,7 g di grassi polinsaturi (32%) erano sotto forma di Omega-3 rispetto a 1,0 g di una tipica dieta occidentale

 

Ciò che colpisce di più è che il gruppo “Strict Paleo Diet” nello studio di Genoni et. alsi allinea quasi perfettamente con la definizione di una dieta a basso contenuto di carboidrati e non si allinea affatto con la dieta paleo standard (evidenziato in rosa).

Infatti il gruppo di controllo, che è stato definito come “consumo di una dieta tipica delle raccomandazioni nazionali”, si è allineato meglio con la Standard Paleo Diet rispetto al gruppo Strict Paleo Diet nello studio.

Ciò che colpisce è quanto sia facile vedere queste contraddizioni. Chiunque può ricreare questa tabella semplicemente guardando a pagina 24 di The Paleo Diet e la tabella della dieta nello studio TMAO . Non hai bisogno di una laurea in statistica né hai bisogno di un dottorato di ricerca.

Tuttavia, un Ph.D. conducente un importante studio di ricerca dovrebbe saperlo meglio.

Il fatto è che gli autori non hanno lavorato con la definizione accettata della Paleo Diet. Invece, hanno lavorato con la propria definizione. Letteralmente. Nella loro introduzione affermano: “La dieta paleolitica può essere classificata come una dieta a basso contenuto di carboidrati {5}”. L’unico riferimento è a uno studio dello stesso autore principale, Genoni [5] In altre parole, si sono referenziati per la loro definizione della dieta.

E sfortunatamente, i criteri nella loro definizione erano tristemente inadeguati. I soggetti dovevano semplicemente mangiare solo una minima quantità di cereali e latticini. Questa non è una definizione sufficiente della Paleo Diet e, come purtroppo dimostrato dallo studio, non fa differenza tra una dieta a basso contenuto di carboidrati e una vera Paleo Diet.

I due gruppi Paleo in questo studio stavano in realtà seguendo una dieta a basso contenuto di carboidrati e l’incapacità di Genoni et al. di fare questa differenziazione mette in discussione le conclusioni primarie del loro studio:

La Paleo Diet non è un’altra dieta a basso contenuto di carboidrati


In un recente articolo di Newsweek , l’autore principale Genoni ha indicato la natura a basso contenuto di carboidrati della Paleo Diet come una delle principali preoccupazioni. “Abbiamo anche scoperto che le popolazioni di specie batteriche benefiche erano più basse nei gruppi paleolitici, associati a una ridotta assunzione di carboidrati“.

Vale la pena sottolineare che il loro gruppo di controllo sano rientra nell’intervallo di carboidrati per una dieta paleo standard. E mentre il campione di diete Paleo nella tabella 1 ha un contenuto di carboidrati inferiore rispetto a questo gruppo di controllo, i due gruppi Paleo nello studio chiaramente non rientrano nella definizione di carboidrati della dieta Paleo.

In realtà condividiamo le preoccupazioni dell’autore sulle diete a bassissimo contenuto di carboidrati e ne abbiamo scritto.

Può incolpare il basso consumo di fibre? …

In un’altra intervista con Paleo Magazine, Genoni ha affermato che l’elevato TMAO derivante dal consumo di pesce non è un problema perché è transitorio. La sua preoccupazione era l’aumento cronico del TMAO durante una dieta Paleo a causa del basso contenuto di fibre nella dieta. Tuttavia, non solo la dieta Paleo non è povera di fibre, ma la suddivisione dei due menu di dieta Paleo campione nella Tabella 1 ha un contenuto di fibre più elevato rispetto a qualsiasi dieta nello studio a 42,5 g e 47 g rispettivamente. La dieta di controllo nello studio era in media di soli 29,7 g.

… o di grassi?

Al contrario, la direzione del cambiamento nella composizione del microbiota associata al consumo di grassi era nella direzione opposta e suggerisce un profilo più deleterio“. È una citazione pesante. Ma ha portato a una parte sostanziale delle conclusioni in cui gli autori hanno spiegato che l’alto contenuto di grassi e in particolar modo di grassi saturi della Paleo Diet può causare cambiamenti indesiderati nei nostri batteri intestinali.

Mentre le diete a basso contenuto di carboidrati nello studio sono molto ricche di grassi, i due campioni Paleo Diets pubblicati dal dottor Cordain sono paragonabili alla dieta di controllo dello studio in grassi totali. In effetti, le diete Paleo campione sono in realtà inferiori a tutte le diete dello studio in grassi saturi rispettivamente a 18 g e 21 g. Anche la dieta di controllo dello studio era in media di 27,3 g di grassi saturi.

In un buon dibattito scientifico, vieni armato di riferimenti scientifici

Come abbiamo già sottolineato, l’unico riferimento che i ricercatori avevano per sostenere che una dieta Paleo fosse a basso contenuto di carboidrati era uno dei loro studi. Ma quello non è stato l’unico posto in cui Genoni e al. hanno fatto affermazioni forti con poco sostegno.

La primissima riga dello studio afferma che “La dieta paleolitica è promossa in tutto il mondo per migliorare la salute dell’intestino. Tuttavia, ci sono poche prove disponibili a sostegno di questa affermazione”. Il loro unico riferimento per questa importante affermazione è un libro di cucina australiano del 2016 [6].

Se hai intenzione di fare riferimento a libri invece di studi, che dire di tutti i libri che hanno effettivamente reso popolare la Paleo Diet a livello internazionale? Meglio ancora, che ne dici di fare riferimento a ricerche reali sulla salute dell’intestino? Per cominciare, che dire di tutti gli scienziati rispettati che hanno trascorso anni a vivere e studiare le società di cacciatori-raccoglitori ancora esistenti? Il loro ampio corpo di ricerca ha costantemente riportato un robusto microbioma, una notevole salute intestinale e malattie cardiache quasi inesistenti in queste società nonostante il fatto che non abbiano mai mangiato un solo cereale [7-14].

Ti consigliamo di iniziare con The Diverse Microbiome of the Hunter-Gatherer pubblicato su Nature, una delle riviste più rispettate al mondo. Scientificamente, ha sicuramente più da dire di un libro di cucina australiano.

Francamente, siamo sicuri che il tuo studio fosse molto costoso. Sembra che sarebbe stato prudente, prima di investire quel tipo di tempo e denaro, fare le tue ricerche di base e imparare cos’è la Paleo Diet. Sai… leggi le prime 30 pagine del bestseller del New York Times che ha definito la Paleo Diet.

Clicca qui per leggere una risposta a questo studio del collega membro del comitato editoriale della Paleo Diet, il dottor Mark J. Smith. Mark si è immerso nella politica di questa ricerca e nel dibattito di lunga data della Dieticians of Australia Association sulla Paleo Diet. Mark approfondisce il fatto che questo non era in realtà il primo studio condotto da Genoni et al. sulla Paleo Diet. Nel loro primo studio, hanno dato ai soggetti copie di “The Paleo Diet” del dottor Loren Cordain e hanno chiesto loro di seguire le linee guida dei libri. Quello studio ha trovato benefici alla Paleo Diet.

Autore: Trevor Connor, CEO of The Paleo Diet, and a nutritionist and physiologist by training. He was Dr. Loren Cordain’s final graduate student at Colorado State University.

Fonte originale in inglese: https://thepaleodiet.com/a-recent-study-finds-the-paleo-diet-raises-tmao-levels-but-does-it-actually-study-the-paleo-diet

Referenze

1. Ryan, M.C., et al., The Mediterranean diet improves hepatic steatosis and insulin sensitivity in individuals with non-alcoholic fatty liver disease. J Hepatol, 2013. 59(1): p. 138-43.

2. Genoni, A., et al., Long-term Paleolithic diet is associated with lower resistant starch intake, different gut microbiota composition and increased serum TMAO concentrations. Eur J Nutr, 2019.

3. Cordain, L., The Paleo diet : lose weight and get healthy by eating the foods you were designed to eat. Rev. ed. 2011, Hoboken, N.J.: Wiley. xv, 266 p.

4. Cordain, L., The nutritional characteristics of a contemporary diet based upon Paleolithic food groups. Journal of the American Nutraceutical Association, 2002. 5(5): p. 15-24.

5. Genoni, A., et al., Cardiovascular, Metabolic Effects and Dietary Composition of Ad-Libitum Paleolithic vs. Australian Guide to Healthy Eating Diets: A 4-Week Randomised Trial. Nutrients, 2016. 8(5).

6. Evans, P., The complete gut health cookbook. 2016, Sydney: Pan Macmillan Australia Pty Ltd.

7. Schnorr, S.L., The diverse microbiome of the hunter-gatherer. Nature, 2015. 518(7540): p. S14-5.

8. Fragiadakis, G.K., et al., Links between environment, diet, and the hunter-gatherer microbiome. Gut Microbes, 2019. 10(2): p. 216-227.

9. Mancabelli, L., et al., Meta-analysis of the human gut microbiome from urbanized and pre-agricultural populations. Environ Microbiol, 2017. 19(4): p. 1379-1390.

10. Rampelli, S., et al., Metagenome Sequencing of the Hadza Hunter-Gatherer Gut Microbiota. Curr Biol, 2015. 25(13): p. 1682-93.

11. Crittenden, A.N. and S.L. Schnorr, Current views on hunter-gatherer nutrition and the evolution of the human diet. Am J Phys Anthropol, 2017. 162 Suppl 63: p. 84-109.

12. London, D. and D. Hruschka, Helminths and human ancestral immune ecology: What is the evidence for high helminth loads among foragers? Am J Hum Biol, 2014. 26(2): p. 124-9.

13. Cockburn, T.A., Infectious diseases in ancient populations. Curr Anthropol, 1971. 12: p. 45-62.

14. Davis, E.W. and J.A. Yost, The ethnomedicine of the Waorani of Amazonian Ecuador. J Ethnopharmacol, 1983. 9(2-3): p. 273-97.

15. Genoni, A., et al., Compliance, Palatability and Feasibility of PALEOLITHIC and Australian Guide to Healthy Eating Diets in Healthy Women: A 4-Week Dietary Intervention. Nutrients, 2016. 8(8).


Condividi:

post a comment