Cosa ci insegna la dieta “Paleo” degli Hazda sull’alimentazione umana?

Cosa ci insegna la dieta “Paleo” degli Hazda sull’alimentazione umana?

Condividi:

La dieta “Paleo” degli Hazda in un’intervista all’antropologo evoluzionista Herman Pontzer

Traduzione dall’inglese dell’articolo Our Ancestors Ate a Paleo Diet, With Carbs di Diana Kwon (Knowable Magaziine October 11, 2022)


La dieta paleo prende il nome dall’era paleolitica, un periodo che va da circa 2,5 milioni a 10.000 anni fa, quando i primi esseri umani cacciavano e raccoglievano, piuttosto che coltivare. Molti sostenitori della dieta paleo sostengono che la dieta dei nostri antenati era ricca di carne e povera di carboidrati e che, di conseguenza, ci siamo evoluti per prosperare con questo tipo di regime nutrizionale.

Herman Pontzer, antropologo evoluzionista presso la Duke University e autore di Burn, un libro sulla scienza del metabolismo, afferma che è un mito che tutti gli esseri umani nel paleolitico consumassero diete ricche di carne. Gli studi dimostrano che le abitudini alimentari dei nostri antenati preistorici erano notevolmente variabili ed erano influenzate da una serie di fattori, come il clima, la posizione e la stagione.

Nell’Annual Review of Nutrition del 2021, Pontzer e il suo collega Brian Wood, dell’Università della California, Los Angeles, descrivono cosa possiamo imparare sulle abitudini alimentari dei nostri antenati studiando le moderne popolazioni di cacciatori-raccoglitori come gli Hadza nel nord della Tanzania e gli Aché in Paraguay. In un’intervista con Knowable Magazine, Pontzer spiega cosa rende le diete sorprendentemente stagionali degli Hadza così diverse dallo stereotipo comune della dieta paleo.

Come sono le diete Paleo di oggi? Quanto sono somiglianti alle abitudini alimentari dei nostri antenati?

La dieta Paleo originale è piuttosto ricca di carne. Direi che lo stesso vale per le diete Paleo predominanti oggi: la maggior parte sono molto ricche di carne e povere di carboidrati, e limitano l’assunzione di frutta e verdura amidacee che sarebbero state disponibili solo stagionalmente prima dell’agricoltura. C’è anche un campo ancora più estremo al suo interno, che afferma che gli umani erano quasi esclusivamente carnivori.

Ma le diete dei nostri antenati erano comunque variabili. Ci siamo evoluti come cacciatori-raccoglitori, cacciando e raccogliendo qualunque cibo si trovasse nell’ambiente locale. Quindi ciò che mangiavano i cacciatori-raccoglitori variava molto a seconda del luogo e del periodo dell’anno.

In parte per la stagionalità, in parte per le preferenze delle persone, c’erano molti carboidrati nella maggior parte delle diete dei cacciatori-raccoglitori. Il miele, ad esempio, è stato probabilmente un alimento importante nel corso della storia e della preistoria. Molte di queste società su piccola scala mangiavano anche ortaggi a radice come i tuberi, e questi sono molto ricchi di amido e carboidrati. Quindi l’idea che le diete antiche sarebbero state a basso contenuto di carboidrati non si adatta a nessuna delle prove disponibili.

Quindi, perchè “Paleo” è diventato sinonimo di consumo di carne e pochi carboidrati?

Penso che ci siano un paio di ragioni per questo. C’è una sorta di romanticismo di com’era la caccia e la raccolta. E c’è una sorta di visione machista dell’uomo delle caverne del passato che permea molto di ciò che leggo quando guardo i siti web sulla dieta Paleo.

Ci sono anche pregiudizi intrinseci in molti dei dati archeologici ed etnografici disponibili. All’inizio del 1900, e anche prima, molti rapporti etnografici erano scritti da uomini che si concentravano sul lavoro degli uomini. Sappiamo che tradizionalmente ci si è concentrati di più sulla caccia che sulla raccolta a causa del modo in cui molte di queste società su piccola scala dividevano il loro lavoro: gli uomini cacciavano e le donne raccoglievano.

Inoltre, i dati etnografici disponibili sono fortemente distorti verso culture molto settentrionali, come le culture artiche – poiché le culture del clima caldo sono state le prime a essere espulse dagli agricoltori – e tendono a mangiare più carne. Ma le diete dei nostri antenati erano variabili. Le popolazioni che vivevano vicino all’oceano e ai fiumi in movimento mangiavano molto pesce e frutti di mare. Le popolazioni che vivevano in aree boschive o in luoghi ricchi di vegetazione si concentravano sul consumo di piante.

C’è anche un pregiudizio verso la caccia nella documentazione archeologica. Strumenti di pietra e ossa segnate da tagli – prove di caccia – si conservano molto bene. Bastoncini di legno e resti di piante no.

La tua ricerca si è concentrata molto su un gruppo chiamato Hadza. Chi sono gli Hadza e cosa ci ha insegnato fino ad oggi lo studio delle loro diete?

Gli Hadza sono una comunità di poche centinaia di cacciatori-raccoglitori tradizionali nel nord della Tanzania. Vivono in una sorta di paesaggio semi-arido della savana. Parte della popolazione ha iniziato a dedicarsi all’agricoltura o a vivere nei villaggi. Ma un quarto di loro continua a cacciare e raccogliere e ricava tutto il cibo dalla selvaggina e dalle piante. Gli uomini cacciano con arco e frecce e le donne raccolgono alimenti vegetali a mano o con bastoni da scavo. Sono una meravigliosa comunità di persone con cui lavorare, ma sono anche molto preziosi perché ci danno un’istantanea di come sono realmente la caccia e la raccolta, giorno per giorno, nella vita reale.

Le persone lavorano con gli Hadza ormai da decenni, quindi abbiamo molti documenti, pubblicati da 30 o 40 anni fa fino ad oggi. Possiamo capire da quei dati quanto può essere variabile la dieta: abbiamo visto come la quantità di carne cambia con le stagioni. Ad esempio, la dieta è più ricca di piante durante le stagioni umide. Diverse specie vegetali, come bacche e tuberi, contribuiscono alla dieta in modi diversi nel corso di un anno. Abbiamo anche imparato che il miele è una parte davvero importante della loro dieta.

Qual è il quadro generale della loro dieta?

C’è un equilibrio tra le calorie provenienti da cibo animale e le calorie proveniente dalle piante. La media è di circa 50:50, ma varia. A volte mangiano molta carne, a volte pochissima. Una cosa sorprendente è quanto sia importante il miele. Può costituire in media fino a un quinto delle calorie del gruppo. Il miele è solo zucchero e acqua, piuttosto ricco di carboidrati e sicuramente non fa parte delle più moderne diete “Paleo”.

Giovani Hazda che consumano miele

Perché gli Hadza mangiano così tanto miele?

Ha un sapore davvero buono ed è pieno di calorie. Quindi lo cercano, proprio come cerchiamo cibo di buon gusto oggi. E in molti di questi habitat è disponibile tutto l’anno in grandi quantità.

Alcuni Hadza fanno uso di un uccello chiamato Honeyguide. Ho avuto la possibilità di uscire con gli uomini Hadza mentre lavoravano con questi uccelli. Sembra quasi che gli uomini stiano fischiettando distrattamente mentre camminano, ma non è così. Lo stanno facendo per attirare l’uccello. Quando sentono uno di questi uccelli, che emettono una specie di ronzio e cinguettio, gli uomini Hadza camminano direttamente verso il suono – e l’uccello chiamerà e farà un gran rumore sull’albero dove si trovano le api.

A questo punto gli Hadza tagliano il ramo dell’albero con le loro accette per raggiungere l’alveare e naturalmente, tagliando l’albero tirano fuori grossi pezzi di alveare e molte larve vengono esposte e diventano il pasto dell’uccello Honeyguide. È una situazione vantaggiosa per tutti.

Yao honey hunter Orlando Yassene chops open a bees’ nest in a felled tree in the Niassa National Reserve, Mozambique.
Claire Spottiswoode

Come puoi essere sicuro che il modo in cui le persone cacciano e raccolgono oggi sia lo stesso di migliaia di anni fa? Forse storicamente, i cacciatori-raccoglitori mangiavano più carne.

Di recente, c’è stato un lavoro davvero interessante che ha esaminato la piccola quantità di placca e tartaro attaccati ai denti negli ominidi fossilizzati. Se lo guardi, troverai resti di piante e amidi. Quindi in realtà abbiamo le prove che i primi umani mangiavano molti cibi vegetali ricchi di amido. C’è anche qualche prova di una primitiva sostanza simile alla farina che è fatta di cereali. Questo genere di cose è un anatema per la maggior parte delle diete Paleo, che dicono che non puoi mangiare cereali perché i cereali sono un alimento coltivato.

E puoi guardare il corpo umano e vedere come ci siamo adattati rispetto ai nostri parenti scimmia – cosa è cambiato in noi in termini di come digeriamo il cibo. Puoi guardare cose come l’anatomia dell’intestino e la forma dei denti. E se lo guardi, ancora una volta, il segnale è onnivoro. 

Cosa possono insegnarci comunità come gli Hadza su cosa dovremmo o non dovremmo mangiare?

Penso che questi studi supportino l’evidenza che gli esseri umani possono essere sani con una vasta gamma di diete. Spero che aiutino a reprimere alcune delle urla di entrambe le parti sulla necessità di seguire una dieta a base vegetale o di seguire una dieta a base di carne, o qualsiasi altro tipo di dieta. Queste sono opinioni davvero riduttive.

Gli esseri umani si sono evoluti per essere adattabili. Dipendiamo molto dall’apprendimento e dallo sviluppo di complesse strategie di accaparramento per sopravvivere. E popolazioni diverse hanno seguito strade diverse. Siamo costruiti per essere flessibili. E flessibilità significa diversità.

Ecco perché le persone che seguono queste “diete paleo” che non sono veramente paleo spesso possono essere veramente sane. E anche le persone che sono vegane e non mangiano carne possono stare bene.

Penso che l’unica cosa che non si trova mai in una dieta di cacciatori-raccoglitori sono i cibi pesantemente trasformati di cui siamo circondati. Negli alimenti trasformati troviamo combinazioni di zuccheri, sali e grassi che non si trovano mai in natura. Abbiamo ridotto l’assunzione di nutrienti come fibre e proteine ​​che ti fanno sentire pieno e aumentato l’assunzione di alimenti che fanno illuminare i sistemi di ricompensa del nostro cervello, come gli aromi. Gli alimenti trasformati sembrano essere un grande fattore scatenante dell’obesità.

Quindi forse l’unica cosa su cui possiamo essere tutti d’accordo è evitare quella spazzatura. 

 


Condividi: